Roger Eliot Fry (Londra 1866 - 1934)


È stato un intellettuale, artista e critico d'arte inglese e, nonostante la sua reputazione di "studioso di vecchi maestri" fu un grande fautore dello sviluppo della pittura francese a cui diede il nome di Post-impressionismo. Soprattutto è stato lo scopritore della pittura di Cézanne, colui che nel 1910 ha organizzato la prima mostra di post-impressionisti attribuendo loro un nome. Roger Fry è colui grazie al quale Virginia Woolf, dopo aver visto il miracolo creativo delle mele di Cézanne, arrivò al suo inconfondibile stile di scrittrice. Dopo un prima diploma in Scienze Naturali, si recò a Parigi e poi in Italia per studiare l'arte. Alla fine si specializzò nella pittura di paesaggi. Nel 1900 Fry iniziò a insegnare storia dell'arte presso la Slade School of Fine Art, University College di Londra. Sei anni dopo fu nominato Curatore dei dipinti presso il Metropolitan Museum of Art di New York e fu proprio in quell'anno che scoprì l'arte di Paul Cézanne e cominciò a distanziare la sua pittura dal paesaggio dell'arte italiana per muoversi verso quella francese moderna. Nel 1910, organizzò la mostra Manet e i Post-impressionisti (un termine coniato da lui stesso) alle Grafton Galleries di Londra. Mostra che fu accolta con un iniziale scetticismo, ma poi ebbe successo quando fu replicata due anni dopo. Nel 1913 fondò a Londra l'Omega Workshop un laboratorio di design e nel 1933 venne nominato professore alla Slade University di Cambridge. Ebbe una vita molto travagliata con la moglie affetta da una grave malattia mentale ed ebbe diverse tormentate relazioni sentimentali e, infine, morì inaspettatamente a causa di una banale caduta in casa.

Edith Sitwell ai due lati e Nina Hammett al centro

Interno di un'abitazione

Venezia

Carpentras

Fiume con pioppi


Sainte Agnes Francia del Sud

Natura morta

Settembre nel Sussex

Paesaggio invernale


««««««««««torna a inizio pagina««««««««««